fbpx

SARVANGASANA E HALASANA, GLI ASANA CHE RIGENERANO TUTTO IL CORPO

Sarvangasana e Halasana, gli asana che rigenerano tutto il corpo

Halasana, o posizione dell’aratro, nella sua fase iniziale è simile a Salamba Sarvangasana e ha, per questo motivo, gli stessi benefici della postura conosciuta come “madre di tutte gli asana”.

Sarvangasana significa "la posizione di tutti gli arti" anche se è più conosciuta come la postura della "candela".
Appartenente al gruppo delle posture inverse è considerata la madre di tutte le asana per via del potente effetto benefico che ha su tutto l'organismo. In quanto posizione capovolta, ha l'obiettivo di apportare un ricco afflusso di sangue ossigenato al cervello e di stimolare il sistema endocrino e linfatico, migliorando il sistema immunitario. Gli yogi sostenevano che durante l'esecuzione di questa postura, le forze celesti e le forze terrestri raggiungevano il perfetto equilibrio. I muscoli si sollevano verso l'alto per raggiungere la "segreta regione dell'armonia e del benessere". La posizione di partenza è da sdraiati a terra e poi ci si innalza con la forza addominale verso l'alto, le gambe distese e le punte dei piedi tirate.

Le posture inverse
Le posture inverse di cui lo yoga abbonda sono importantissime per la nostra salute. Le posizioni “declive” (testa in basso) lottano contro le malefatte della gravità, fattore meccanico essenziale di fatica e di invecchiamento del corpo umano. (Noi riposiamo in un modo del tutto naturale ed istintivo in posizione orizzontale per sfuggire il più possibile agli effetti della pesantezza).
Secondo una recente ricerca clinica, le posizioni capovolte migliorano le prestazioni del cervello del 14% e, praticate regolarmente migliorano la concentrazione, la memoria, l’osservazione, la chiarezza di pensiero e possono contrastare depressione e ansia.
Inoltre, la terapia di inversione può giocare anche un importante ruolo rallentando il “processo di invecchiamento” del cervello.

ESECUZIONE

- Stendetevi a terra in posizione supina
- distendete le braccia lungo il corpo con il palmo rivolto verso il basso
- fate qualche ciclo respiratorio profondo per preparare il corpo all'asana
- espirando raccogliete le ginocchia avvicinandole al busto
- sollevate il bacino da terra e poggiate le mani su di esso (piegando i gomiti facendo attenzione che siano alla stessa larghezza delle spalle) per sostenerlo e aiutarvi nella successiva salita
- prestando attenzione alla respirazione continuare il movimento di salita, alzando anche il tronco in modo da far poggiare a terra soltanto il retro della testa, il collo, le spalle e le braccia fino ai gomiti. In questa fase, soprattutto in una fase iniziale, si consiglia di mantenere le gambe flesse
- distendere le gambe verso l’alto
- in questa fase si può restare anche con le gambe leggermente divaricate e in relax e si possono compiere diversi cicli respiratori; si avvertirà una intensa sensazione di leggerezza
- tendete le gambe verso l’alto, punte dei piedi rivolte verso l’alto; il mento idealmente poggia saldamente contro lo sterno
- il respiro è regolare. Mantenete la posizione finché il corpo riesce a rimanere in equilibrio sotto sforzo.
- per uscire dalla postura, muovete le mani verso il bacino e allungate le gambe facendo arrivare i piedi sopra la testa. Poggiate le mani a terra sul lato del corpo ed espirando srotolate la schiena a terra, nel modo più lento possibile, vertebra dopo vertebra. Appoggiate i glutei ed infine le gambe.
- restate in relax ascoltando il respiro e rilassando tutta la muscolatura.

Parva Sarvangasana

Parva Sarvangasana

HALASANA

Invece di sciogliere la postura come visto in precedenza, la postura può essere proseguita in Halasana. In questa postura dalla fase verticale si portano le gambe oltre la testa distendendo completamente la colonna vertebrale e tutta la muscolatura della schiena. Si inizia tenendo le gambe flesse e cercando di toccare il pavimento con le punte dei piedi. Sempre senza forzare e solo quando il corpo sarà abbastanza elastico la postura potrà essere eseguita con le gambe tese ottenendo un completo e profondo stiramento.
A questo punto allungare le braccia al di là della testa tenendole poggiate al pavimento; se ci si riesce intrecciare le dita tra di loro, per comprimere le scapole; in caso contrario tenere le braccia separate con il palmo ben poggiato a terra.
Per sciogliere la postura liberare le mani e srotolare lentamente la colonna vertebrale (se ne sentite la necessità sostenendovi con le braccia nella discesa).
Stendersi completamente e rilassarsi.

Parva Sarvangasana

Parva Sarvangasana

Parva Sarvangasana

bujhangasana, postura del cobra

ERRORI DA NON COMMETTERE

Mentre si è in sarvangasana o halasana, non si deve aggiustare la mai la posizione della testa e delle spalle per modificare la base di appoggio, si potrebbe perdere l'equilibrio e cadere male. Se sentite di non essere entrati correttamente nella posizione, uscite dalla postura lentamente, sistemate la base e rientrate nell'asana.

Curiosità
Secondo le credenze, Sarvangasana attiverebbe il Vishuddha Chakra, il chakra della gola . Durante l'esecuzione di questa asana, si può avvertire l'energia che si libera a livello del collo. È il chakra della creatività.

CONTROINDICAZIONI

Sarvangasana è controindicata se ci sono delle patologie che coinvolgono le vertebre, soprattutto sulla cervicale (spondilite cervicale).
Se la pressione arteriosa è alta, sarvangasana non è tra le posture più indicate.

BENEFICI

- rende la colonna vertebrale più flessibile e allevia il mal di schiena
- assicura il ritorno del sangue delle gambe, dall'addome, dagli organi riproduttivi verso il cuore
- rinforza il sistema immunitario aumentando la circolazione a livello del timo
- riduce i disturbi psicologici di stress, paura e insonnia
- spiritualmente, secondo la tradizione yogica, la pratica costante apporta pace interiore e calma.
- abbassa la pressione.


Ti è piaciuto questo articolo?

Metti mi piace alla nostra pagina su Facebook per rimanere sempre aggiornato

seguici_small


1 Risposta

  1. Il Sarvangasana è una posizione che mi è sempre piaciuta molto. Vorrei però sapere se ci sono benefici per la tiroide e se la posso praticare visto che sono comparsi due noduli ai suoi lati (sotto contollo medico). Vi ringrazio per l'attenzione.

Lascia un commento