Urdhva Mukha Paschimottanasana

Urdhva Mukha Paschimottanasana

L'insieme dei nostri arti costituisce l'esatta rappresentazione dei punti cardinali: la testa è il nord, i piedi il sud, la parte anteriore del corpo è l'oriente e la parte posteriore l'occidente.

Quando pratichiamo sulla schiena, andiamo a stimolare il nostro ovest "pashima", producendo un allungamento che prende il nome di "uttana".

Urdhva Mukha Paschimottanasana è la posizione dell'allungamento della schiena verso l'alto.

BENEFICI:

- tonifica gli addominali, i reni e ringiovanisce la colonna vertebrale;
- migliora la digestione;
- rende calma la mente;
- massaggia il cuore;
- migliora la circolazione sanguigna e ne aumenta l'afflusso;
- dona equilibrio e stabilità;
- modella le cosce e i polpacci;
- previene l'ernia inguinale e allevia i dolori alla schiena.

ESECUZIONE:

- stendersi sul pavimento o sul tappeto ed allungare le mani al di sopra della testa;
- tendere le gambe, stirare le ginocchia e compiere qualche ciclo respiratorio;
- espirare e sollevare lentamente e contemporaneamente le gambe e portarle sopra la testa;
- intrecciare le dita, afferrare le piante dei piedi e tendere le gambe in alto con le ginocchia tese. Poggiare tutta la schiena sul pavimento. Respirare tre volte profondamente;
- espirare, abbassare le gambe verso terra oltre la testa allargando i gomiti. Cercare di tenere il bacino più vicino possibile a terra. Tenere le gambe rigide alle ginocchia. Poggiare il mento su di esse;
- rimanere in questa posizione dai 30 ai 60 secondi respirando uniformemente;
- espirare e riportare le gambe nella posizione originale;
- inspirare, allentare le mani, poggiare le gambe diritte a terra e rilassarsi.


Ti è piaciuto questo articolo?

Metti mi piace alla nostra pagina su Facebook per rimanere sempre aggiornato

seguici_small


Nessun commento ancora

Lascia un commento